Dilazione pagamenti e agevolazioni fiscali

Siamo operativi in tutta Italia

Bollo auto 2022: esenzioni a rischio cancellazione. Quali?

Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

E come ogni anno si torna a parlare di bollo auto, la principale novità per il 2022 è rappresentata dalla cancellazioni delle esenzioni a oggi previste da molte Regioni.

In altre parole saranno diversi i contribuenti, automobilisti, che si erano liberati da tempo e definitivamente di questa controversa imposta che invece dovranno tornare a pagare.

Alcuni tipi di agevolazioni per determinati tipi di veicoli, a partire dal prossimo anno potranno non essere rinnovate.

Questo è ciò che emerge in alcuni punti del contenuto pubblicato sul testo della Legge di Bilancio 2022.

Prestiti e agevolazioni per le imprese

Siamo operativi in tutta Italia

Gli emendamenti al quale facciamo riferimento sono stati voluti dalle forze di governo di centro sinistra, Movimento5stelle, Italia Viva e PD andando a prendere di mira i veicoli storici, iscritti all’ASI per i quali sono previste da sempre agevolazioni ed esenzioni.

In dubbio il pagamento del bollo auto per il 2022 anche per auto elettriche e per persone soggette da disabilità grave.

Le decisioni prese dal governo in merito a limitare o modificare, restringendo la platea di beneficiari di chi è esente dal pagamento del bollo auto, è stata presa per cercare di risparmiare risorse da destinare ad altri provvedimenti.

L’obiettivo di trovare la copertura finanziaria rispetto a quanto contenuto nella Legge di Bilancio 2022, misure che riguardano, bonus edilizi, ammortizzatori sociali, pensioni e politiche sul lavoro. 

Risorse che ad oggi ammontano a 30 miliardi di euro.

Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

Andiamo a fare chiarezza su come potrebbe cambiare il bollo auto nel 2022.

Bollo auto, in pericolo le esenzioni sui veicoli storici!

Le agevolazioni per quanto riguarda il bollo auto sui veicoli storici sono in vigore più di 20 anni a questa parte. 

L’intenzione del governo sarebbe quella di eliminare l’esenzione e far tornare a pagare la tassa a tutti quei proprietari di autoveicoli di età compresa trai 20 e i 29 anni.

L’emendamento inserito nell’ultima Legge di Bilancio prevede la cancellazione dell’attuale agevolazione che prevede uno sconto del 50% sulla tassa automobilistica per tutti quei proprietari di automobili o motocicli storici immatricolati in un periodo compreso tra i 20 e i 29 anni.

Prima di andare avanti definiamo cosa realmente è un’veicolo storico, non basta infatti averla parcheggiata in garage da almeno 20 anni ma sono considerati:

veicoli di interesse storico o collezionistico che sono costruiti da oltre vent’anni (salvo prova contraria, l’anno di costruzione coincide con l’anno di prima immatricolazione in Italia o in un altro Stato), che non vengono utilizzati per lavoro o in attività di impresa, arti o professioni.

La storicità del veicolo verrà attestato da un apposito certificato rilasciato da un ente competente così come previsto dal Comma 4 dell’articolo 60 del Codice della Strada.

Gli enti autorizzati al rilascio di tale certificazione sono, l’ASI, il registro storico FMI, nonchè i registri, FIAT, Alfa Romeo e Lancia.

L’indicazione riguardo l’autentica storicità del mezzo verrà riportata sul libretto di circolazione.

L’attuale agevolazione messa in pericolo per l’anno 2022 è lo sconto del 50% sull’importo totale del bollo auto, per auto storiche con età compresa tra i 20 e i 29 anni.

Nel video che segue tratto dal canale you tube Tutto e di Più, le ultime novità per quanto riguarda le nuove esenzioni legate al pagamento del bollo in vigore dal 2022.

Più precisamente con molta probabilità il bollo auto non sarà pagato per i prossimi 5 anni per i possessori di alcuni veicoli.

Acquistiamo la tua casa – estinguiamo i tuoi debiti

Riacquisti la tua casa con dilazione fino a 30 anni

Prestito “salva casa”

Siamo operativi in tutta Italia

Bollo auto a rischio l’esenzione per i possessori di Legge 104

Come già scritto nel paragrafo introduttivo, a rischio per il 2022 anche le esenzioni del pagamento del bollo auto in vigore per i possessori della Legge 104, nel momento in cui non vengano soddisfatti determinati requisiti. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

La domanda dovrà essere presentata presso un ufficio Aci nella Regione di residenza. Inoltre il veicolo è bene ricordare che con la legge 104 l’esenzione dal pagamento del bollo auto spetta solo nel momento in cui il veicolo è intestato :

  • direttamente al soggetto disabile;
  • un familiare del soggetto disabile, che risulti a fiscalmente a carico del disabile o viceversa.

Per chiarire bene questo requisito necessario per ottenere l’agevolazione, e dunque non pagare la tassa di possesso dell’auto sfruttando la legge 104, vi forniamo un piccolo esempio:

“se un figlio minorenne o maggiorenne a carico può beneficiare delle agevolazioni della legge 104, il genitore o il tutore legale ha diritto a non pagare il bollo della macchina”.

Il soggetto fiscalmente a carico per essere definito tale dovrà avere un reddito inferiore a 2.840,51 euro che potrà aumentare fino a 4mila euro per i figli che abbiano fino al 24° anno di età.

Le categorie di disabili, in possesso della Legge 104, che potranno usufruire dell’esonero del pagamento del bollo auto sono:

  • non vedenti;
  • soggetti affetti da sordità totale;
  • soggetti con gravi di gravissimi problemi di deambulazione;
  • disabili con un handicap psichico o mentale, che siano titolari dell’indennità di accompagnamento;

Queste categorie avranno dunque diritto a non pagare la tassa di proprietà automobilistica per il 2022.

Per chi fosse interessato ad approfondire il tema legato alle agevolazioni alle quali hanno diritto i possessori della Legge 104 può consultare un mio articolo scritto di recente clieccando qui.

Bollo auto: quali sono i veicoli esonerati per chi ha la legge 104 ?

L’esonero del pagamento del bollo per chi soddisfa i requisiti previsti da chi possiede la Legge 104 è valido solo per determinati tipologie di veicoli.

I veicoli oggetti dell’agevolazione dovranno possedere le seguenti caratteristiche:

Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

  • per i mezzi alimentati a benzina la cilindrata non dovrà superare i 2.000 cc;
  • per i mezzi alimentati diesel la cilindrata non dovrà superare i 2.800 cc
  • per i mezzi full elettric la potenza non dovrà eccedere i 150 Kw.

Questo per quanto concerne le caratteristiche, passiamo ora a vedere quali sono i modelli che potranno beneficiare di tale agevolazione, ovvero automobili, autocaravan, motoveicoli ed autoveicoli per il trasporto promiscuo o specifico.

Da sottolineare il fatto che per poter beneficiare dell’esenzione del pagamento del bollo auto per i possessori di Legge 104 sarà necessario inoltrare una richiesta presso un ufficio Aci nella Regione di residenza  entro 90 giorni dalla data di scadenza del bollo auto.

Bollo auto cancellato: il 30 novembre scatta la rottamazione dei vecchi bolli non pagati

fra pochi giorni è precisamente il 30 novembre si concretizzerà la pace fiscale, che prevede la rottamazione di vecchie cartelle esattoriali notificate dall’Agenzia delle Entrate nel decennio che va dal 2000 al 2010 con importi non superiori ai 5.000 euro.

Tutte le pendenze con il Fisco verranno dunque cancellate entro tale data cosi come previsto in uno dei punti introdotti nel Decreto Sostegni-bis.

Tra i tributi cancellati ci sarà anche il bollo auto non pagato risalente a quel periodo.

Tralasciando il problema etico relativo ad ogni sanatoria o pace fiscale rispetto a tutti quei contribuenti che hanno pagato sempre le tasse regolarmente, tale provvedimento voluto dal premier Mario Draghi è stato chiesto per due motivi:

  • alleggerire la pressione fiscale su cittadini sui quali incombevano “piccoli” debiti danneggiati dai problemi economici provocati dall’emergenza da Covid-19;
  • alleggerire il lavoro dell’Agenzia delle Entrate, rispetto alle troppe cartelle da incassare, cartelle esattoriali per le quali le spese di riscossione risultano decisamente più alte rispetto all’importo dovuto dal contribuente moroso.

I fortunati dunque che potranno fare festa sono i possessori di una cartella esattoriale notificata tra il 2000 e 2010 con un importo al 22 marzo 2020 inferiore a 5.000 euro. 

La rottamazione sarà valida solo per chi ha un reddito del 2019 inferiore a 30.000 euro potrà.

Bollo auto: la procedura di cancellazione

Ufficialmente la cancellazione dei vecchi bollo auto non pagati nel decennio 2000-2010, avverranno il 30 novembre 2021, concretamente l’operazione è già stata eseguita dall’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia Entrate-Riscossione a partire dallo scorso 20 agosto.

L’iter è stato portato processato internamente tramite lo scambio dei dati forniti dal Fisco all’agente di riscossione, a fronte di tale procedura il contribuente non sarà informato personalmente della cancellazione degli insoluti, ma vedrà automaticamente sparire il proprio debito consultando il proprio fascicolo fiscale direttamente sull’area personale del sito dell’Agenzia delle Entrate, questo a partire dal 1 dicembre prossimo.

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Bollo auto 2022: il futuro delle altre sanzioni

Il bollo auto è una tassa di responsabilità delle Regioni, ogni regione infatti prevede particolari agevolazioni o esenzioni.

Il consiglio affinchè non si facciano errori nel pagamento di questa tassa, è quello di consultare il sito della regione di appartenenza.

Attualmente comunque l’unica esenzione messa in pericolo dal testo della Legge di Bilancio 2022 è quella relativa ai veicoli storici con età superiore ai 20 anni, ma inferiore ai 30.

Tutte le altre agevolazioni che girano intorno alla tassa di proprietà automobilistica sembrano che vengano confermate anche per il prossimo anno.

Le agevolazioni al quale facciamo riferimento sono quelle rivolte ai possessori di Legge 104, per gli acquirenti di auto elettriche ad emissione zero e per i proprietari veicoli destinati al soccorso, come le ambulanze o auto mediche, i mezzi delle forze dell’ordine, in tutti questi casi sarà prevista l’esenzione del pagamento del bollo auto.

Trader finanziario, sales manager, web-writer.
Il mio spirito internazionale e la passione verso il mondo economico/finanziario, mi ha portato a Londra dove ho lavorato come sales manager e trader.
Nel 2015 con il terzo posto raggiunto all’European Traders’cup è prevalsa la mia voglia di indipendenza ad oggi tutte le mie attività sono da freelance ed on-line. Ad oggi lavoro con il sogno e la libertà di poter viaggiare e fare esperienze in giro per il mondo.

Source

“https://www.trend-online.com/fisco-tasse/boll-auto-2022-esenzioni-a-rischio/”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Acquistiamo la tua casa – estinguiamo i tuoi debiti

Riacquisti la tua casa con dilazione fino a 30 anni

Prestito “salva casa”

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: